Borsa del Turismo Extralberghiero: l'intervento del Presidente Vittorio Messina

In considerazione del crescente interesse espresso dalla domanda turistica internazionale nei confronti delle forme di ricettività diverse da quelle alberghiere, e tenuto conto del numero consistente di strutture che si registrano in Sicilia, Assoturismo plaude all’iniziativa promossa da Confesercenti Sicilia che ha deciso di dare vita alla seconda edizione della Borsa del Turismo Extra Alberghiero (BTE).

 

Un evento che  nasce  dalla volontà di far conoscere ai tour operators stranieri e italiani, le potenzialità della variegata offerta extralberghiera che negli ultimi anni si è sviluppata  su tutto il territorio nazionale, integrandosi perfettamente con il turismo sostenibile e con la necessità di aprire l’esperienza di viaggio a dinamiche relazionali più immediate e dirette.

Un’occasione importante per affrontare i temi inerenti il  quadro normativo delle varie forme ricettive, la questione della  legalità e le opportunità derivanti per il comparto dai fondi comunitari, in un confronto con autorevoli addetti ai lavori e rappresentanti istituzionali di riconosciuta sensibilità.

 

Non a caso, la Borsa del turismo Extralberghiero, che ha registrato l’interesse da parte dell’Assessorato Regionale del Turismo a compartecipare, si propone di coniugare la valorizzazione dei fattori di attrazione che contraddistinguono le nostre località turistiche, uniche per patrimonio storico, artistico,  ambientale, per  tradizioni locali e peculiarità gastronomiche e artigianali con la proposizione di sistemi ricettivi, alternativi al sistema alberghiero, nelle diverse forme.

 

Uno spazio per portare avanti una riflessione approfondita sulla necessità di guardare ad un fenomeno che sta avendo una crescita esponenziale e che merita di essere controllato non solo per gli aspetti legati all’osservanza delle norme in materia, ma anche per le ricadute che l’espandersi di queste strutture, soprattutto nei centri urbani, ha sulla riqualificazione di molti centri storici e quindi sui vantaggi che da questo ne possono venire al commercio tradizionale che permane in una fase di grande affanno.

 

I luoghi che ospitano queste giornate della BTE di Palermo ci introducono anche in un itinerario Arabo- Normanno che è stato  dichiarato  "Patrimonio Mondiale dell'Umanità" e quindi inserito di diritto nella World Heritage List.

Un’ulteriore opportunità per le strutture ricettive dell’area interessata e soprattutto per quelle che consentono al viaggiatore di vivere un’esperienza fatta di grandi emozioni a ridosso di uno straordinario campionario di edifici di straordinaria bellezza e ricchi di storia.

 

Dopo la prima esperienza pilota di due anni fa, oggi la BTE rappresenta un momento importante  a servizio delle imprese turistiche e commerciali nonché un ulteriore azione a supporto degli interessi delle categorie che rappresentiamo.

 

Per questo Assoturismo guarda con grande interesse verso una manifestazione che contribuisce ad  arricchire l’agenda degli incontri be to be inseriti nel piano di propaganda turistica regionale e che può consentire di programmare, anno dopo anno, nell’ambito del format  dell’evento una serie  di educational tour attraverso i quali valorizzare il patrimonio storico, artistico, monumentale e paesaggistico dei nostri territori avendo particolare riguardo a tutti i siti siciliani, materiali ed immateriali, inseriti nella world heritage list dell’Unesco.

 

La presenza di tanti operatori qui convenuti e la partecipazione di autorevoli esponenti delle istituzioni più rappresentative del territorio sono certamente un grande incoraggiamento per proseguire il cammino tracciato a supporto di un settore come quello turistico dal quale sta venendo attualmente la spinta più significativa per uscire dalla lunga crisi economica attraversata e finalmente guardare con ottimismo verso una ripresa annunciata ma ancora non percepita.