Manifesto europeo del Turismo: il settore europeo dei viaggi e del turismo accoglie con favore la proposta del certificato verde digitale

ed esorta a compiere uno sforzo parallelo su un piano di riavvio più ampio per massimizzare i benefici

Oltre 60 organizzazioni di viaggio e turismo esprimono il loro sostegno all'iniziativa della Commissione europea e chiedono di garantire una rapida attuazione in tempo per l'estate 2021.

L'alleanza del Manifesto europeo del turismo accoglie con grande favore la proposta della Commissione europea di introdurre un certificato verde digitale comune, interlagioibile e reciprocamente riconosciuto. Questa prova digitale che una persona è stata vaccinata contro covid-19, si è ripresa dal virus o ha un risultato negativo del test faciliterà notevolmente la libera circolazione sicura dei cittadini e il riavvio dei viaggi e del turismo nell'UE.

Oggi esistono già alcuni paesi europei che facilitano l'ingresso nel loro paese se i viaggiatori sono in grado di fornire tale prova. Si prevede che altri paesi seguiranno con l'uscita delle vaccinazioni e il miglioramento della situazione sanitaria. Il coordinamento dell'UE è quindi essenziale per evitare una situazione frammentata con 27 diversi certificati riguardanti i test, la vaccinazione e l'immunità.

L'alleanza esorta il Parlamento europeo e il Consiglio ad approvare rapidamente la proposta della Commissione e a garantire una rapida attuazione da parte di tutti gli Stati membri. Invita inoltre l'UE a collaborare con l'Organizzazione mondiale della sanità, l'OCSE e altri organismi internazionali per trovare una soluzione globale per la digitalizzazione dei registri di vaccinazione, test e immunità per facilitare i viaggi internazionali quando la situazione epidemiologica lo consente.

Il settore europeo dei viaggi e del turismo è incoraggiato dalla proposta della Commissione, ma questa iniziativa da sola non sarà sufficiente. L'alleanza ribadisce l'urgente necessità di sviluppare una tabella di marcia concreta dell'UE, seguendo un approccio basato sul rischio e basato sui dati, per individuare le condizioni e gli scenari in cui le attuali restrizioni di viaggio potrebbero essere allentate e revocate in modo coordinato in tutta l'UE e oltre. Le recenti raccomandazioni del settore riguardano:

  • Creazione di una task force dell'UE in cooperazione con l'industria e le parti sociali per ripristinare i viaggi e il turismo
  • Coordinamento delle restrizioni e dei requisiti di viaggio
  • Un quadro armonizzato dell'UE per i test relativi ai viaggi con una capacità sufficiente a prezzi accessibili
  • Riapertura coordinata delle attività turistiche, ad esempio sulla base degli orientamenti dell'UE per la progressiva ripresa dei servizi turistici pubblicati il 13Th maggio 2020.

Dimostrando l'urgenza della necessità di un quadro comune dell'UE, un recente sondaggio ha rivelato una forte richiesta retata tra gli europei di riprendere i viaggi con il 54% che mira a fare un viaggio entro la fine di luglio 2021. In particolare, il 41% degli intervistati desidera recarsi in un altro paese europeo.

 

Vai al link del sito Europe’s travel & tourism sector welcomes Digital Green Certificate proposal and urges parallel effort on wider restart plan to maximise benefit – European Tourism Manifesto