Ponte di Ognissanti: il ribaltone climatico non affossa il turismo, prenotato il 74% delle camere disponibili on line

L’annunciato ‘ribaltone climatico’ non frena la voglia di vacanza dei turisti: le previsioni per la festa di Ognissanti 2019 appaiono, infatti, nel complesso positive rispetto ai risultati dell’anno precedente. Il consueto monitoraggio del CST per Assoturismo Confesercenti ha rilevato la saturazione dell’Offerta Ricettiva Nazionale Disponibile Online per il Ponte, con un tasso di occupazione del 74% delle strutture ricettive disponibili.

 

Nel prossimo weekend si assisterà, dunque, ad un notevole movimento di turisti stranieri e italiani che si dirigeranno non solo verso le città d’arte, ma anche verso le località di montagna e termali.

 

In generale, dall’indagine emerge un trend di incremento dei tassi di occupazione stimato al +8% circa, rispetto al 2018. L’aumento coinvolgerebbe tutte le tipologie di prodotto, anche se con situazioni diversificate. In particolare, il tasso di occupazione rilevato per le città d’arte si attesta all’86%, con punte di oltre il 90% per località come Venezia, Firenze, Matera, Napoli, Verona, Bologna, Ferrara, Spoleto, Torino.

 

Meno intenso, invece, risulta il flusso di prenotazioni verso le località marine, con tassi di occupazione attesi del 72% delle strutture disponibili e al netto delle chiusure stagionali degli esercizi ricettivi. Stesso trend anche per le località lacuali che si attestano al 79% di occupazione. Invece, per le località montane e del termale i tassi rilevati sono rispettivamente dell’86% e dell’87%.

 

In generale, la tendenza positiva della domanda turistica è attesa in quasi tutte le aree del paese, anche se per le regioni del nord est i valori risulterebbero di assoluta stabilità rispetto al trend rilevato nel 2018. Un andamento più positivo, invece, per le regioni del nord ovest e del centro. Una crescita significativa dei tassi di occupazione è attesa, infine, per le regioni del sud e in particolare per le due isole maggiori.

 

“Dai dati si colgono segnali incoraggianti, soprattutto per la ripresa delle città d’arte - afferma Vittorio Messina presidente di Assoturismo - che rappresentano un punto di forza della nostra offerta turistica per il contributo che questo segmento offre per la crescita economica dei territori interessati. La percentuale di prenotazioni conferma, inoltre, che le opzioni per il turista che vuole venire in Italia sono così vaste e diversificate per cui è possibile trovare la meta ideale in qualunque periodo dell'anno, a prescindere dalle condizioni climatiche”.

 

Roma, 31 ottobre 2019

 

Tipologia turistica

Tassi
di occupazione

Media Città d'arte

86%

Media Località marine

72%

Media Termali

87%

Media Montane

86%

Media Lacuale

79%

 

 

Destinazione

Tasso di occ.

Toscana

87%

Basilicata

84%

Umbria

83%

Piemonte

81%

Veneto

81%

Lazio

79%

Trentino-Alto Adige

78%

Sardegna

78%

Emilia-Romagna

76%

Puglia

75%

Friuli-Venezia Giulia

74%

Valle d'Aosta

73%

Lombardia

73%

Liguria

72%

Marche

66%

Campania

66%

Sicilia

63%

Abruzzo

55%

Molise

50%

Calabria

48%

 

 

MEDIA ITALIA

74%

Fonte: monitoraggio CST per Assoturismo Confesercenti