Vittorio Messina: a ferragosto verso il tutto esaurito in Italia

ponte lungo conferma estate record per le presenze: verso 204 milioni, +3,5 milioni sul 2016

Un ferragosto verso il tutto esaurito chiude la prima estate di vera ripresa del turismo italiano: per il lungo ponte sono state già riservate l’86% delle camere offerte online, con punte del 95% nelle località balneari e lacuali. Un dato che conferma l’andamento positivo del trimestre estivo giugno-agosto, per il quale si stimano 3,5 milioni di presenze in più rispetto allo scorso anno.

 

Tasso di occupazione delle camere disponibili online – periodo 12-16 agosto (4 notti)

Media Città d'arte

82%

Media Località marine

95%

Media Termali

61%

Media Montane

92%

Media Lacuale

95%

Media Italia

86%

 

Il Ferragosto: dal monitoraggio dei principali Online Travel Agency, emerge che, in media, l’86% delle camere disponibili online è già stato prenotato. La tendenza positiva della domanda turistica è attesa in quasi tutte le aree del paese, con valori percentuali più alti per le località costiere ma anche per le località montane e lacuali.

 

A farla da padrone sono, quindi, le località balneari dove si rileva un tasso di occupazione delle camere disponibili online intorno al 95%; dati importanti anche per le nostre località lacuali con percentuali di occupazione intorno al 95% cosi come le destinazioni montane che superano il 92%. Le città d’arte si aggirano intorno ad un tasso di occupazione sull82%.

 

Più basse le percentuali di occupazione per questo lungo week end per le località termali (61%). Tra le regioni, Sardegna e Liguria sono le due che registrano più camere già prenotate (95%), seguite dalla Puglia (93%) e dalla Sicilia (91%).

 

Il trimestre estivo. Le buone performance del ponte di Ferragosto confermano il trend positivo registrato dalla stagione turistica nel 2017. Secondo le previsioni sul periodo giugno-agosto 2017, elaborate da Cst a partire da un’indagine campionaria presso 2.242 imprese ricettive italiane, le presenze dovrebbero superare i 204 milioni, ll’1,8% in più dello scorso anno, circa 3,5 milioni.

 

Un aumento dovuto soprattutto all’incremento di stranieri (+2,7%), che ormai coprono oltre il 45% delle presenze; ma molto positivo è anche il consolidamento della domanda italiana (+1%) che rappresenta un segnale incoraggiante per l’economia nazionale.

 

Complice il gran caldo, le località lacuali e balneari sono state quelle che registrano una crescita maggiore (+2,3 e +3,5%), ma le tendenze risultano positive per tutti i prodotti turistici; anche se le performance migliori sono previste per le località lacuali (grazie alla spinta della domanda interna), per quelle marine, termali e di altro interesse (in questi casi il contributo maggiore dovrebbe giungere dalla domanda straniera). Tra le aree più dinamiche, invece, il Sud e le Isole, per le quali si stima una crescita del +2,9% delle presenze; segue il nord-est (+2,3%).

 

“Mai come quest’estate – commenta Vittorio Messina, Presidente di Assoturismo Confesercenti – l’Italia gode di un contesto favorevole per il turismo. Il nostro Paese piace, soprattutto ai mercati europei, che l’hanno scelta come meta privilegiata non solo perché la costa sud del mediterraneo attraversa un periodo di turbolenze, ma per la qualità e varietà della nostra offerta.

 

Nonostante il caldo eccezionale registriamo, con piacere, un aumento delle prenotazioni di stranieri anche nelle città d’arte: segno che il sistema delle imprese turistiche italiane ha saputo cogliere l’occasione”.

 

“E questo – conclude Messina – nonostante il settore, responsabile indirettamente di oltre il 10% del Pil italiano, non venga considerato un volano di crescita alla stregua di altri, e non goda dello stesso sostegno. Oltre a soffrire dei problemi di sempre, mai risolti: una pressione fiscale troppo elevata non solo sulle imprese, ma anche sui turisti; un abusivismo ormai fuori controllo e la mancanza di collegamenti logistici efficaci, in particolare verso i Paesi extraeuropei, che rappresentano il futuro della domanda. Un problema strutturale su cui dobbiamo assolutamente agire”.

Roma, 11 agosto 2017

 

Stima della variazione prevista per i tre mesi estivi 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016 – %

 

Turisti Italiani

Turisti Stranieri

Totale Turisti

Totale

+1,0

+2,7

+1,8

Area geografica

 

 

 

Nord Ovest

+1,7

+2,0

+1,9

Nord Est

+1,3

+3,3

+2,3

Centro

-2,1

+1,4

-0,5

Sud e Isole

+2,5

+3,9

+2,9

Tipologia ricettiva

 

 

 

Alberghiero

+0,2

+2,5

+1,2

Extralberghiero

+2,1

+3,0

+2,5

Prodotto

 

 

 

Città di interesse storico e artistico

-0,2

+0,7

+0,4

Località marine

+1,5

+3,8

+2,3

Località collinari

-2,1

+1,4

+0,2

Località lacuali

+6,6

+2,8

+3,5

Località montane

-1,1

+3,1

+0,3

Località termali

-0,8

+4,1

+1,4

Località di altro interesse

+1,4

+4,1

+2,3

 

Tasso di occupazione delle camere disponibili online – periodo 12-16 agosto (4 notti) Regioni.

REGIONI

Tasso di occupazione

PIEMONTE

74%

VALLE D'AOSTA

89%

LOMBARDIA

78%

LIGURIA

95%

TRENTINO ALTO ADIGE

90%

VENETO

84%

FRIULI VENEZIA GIULIA

86%

EMILIA ROMAGNA

83%

TOSCANA

85%

UMBRIA

76%

MARCHE

89%

LAZIO

71%

ABRUZZO

88%

MOLISE

83%

CAMPANIA

86%

PUGLIA

93%

BASILICATA

84%

CALABRIA

89%

SICILIA

91%

SARDEGNA

95%

Italia

86%